NEWS

copertina

No, grazie! 30 buone ragioni per dire no alla riforma costituzionale – In corso di pubblicazione il nuovo manuale CeSDA

E’ in corso di pubblicazione il nuovo Manuale Cesda dal titolo “No, grazie! 30 buone ragioni per dire no alla riforma Costituzionale”.

Il Manuale, redatto dall’avv. Carmelo Giurdanella e da Rossella Angirillo, affronta il tema del Referendum costituzionale del prossimo ottobre.

L’obiettivo è far riflettere i cittadini e renderli consapevoli dell’importanza del loro voto.

Questo Referendum è l’ultima chance che abbiamo per intervenire su una Riforma che non ci convince, ma che ci tocca da vicino, e ci chiama ad osservare il dovere di essere sovrani di noi stessi. Dobbiamo decidere su di noi, sugli eletti, sulla rappresentanza, sull’autonomia locale: ciascuno di noi rappresenta se stesso e il figlio cui vuole consegnare questo Paese.
Perciò è tanto importante votare.
È ancora più importante votare NO, e vedremo perché.”

Riportiamo qui di seguito l’indice del manuale:

Premessa …………………………………………………………………… 4
RIFORMA, REFERENDUM E SOVRANITÀ…………………. 7
1.Istruzioni per riformare una Costituzione ………………………………… 7
2.Perché siamo tanto arrabbiati………………………………………………. 11
3.Proprietario della Riforma cercasi………………………………………… 16
PERCHÉ VOTARE NO …………………………………………………. 20
RIFORMA E ITALICUM: I CONTENUTI……………………. 21
1.Cosa c’entra l’Italicum………………………………………………………… 21
2.Che ne sarà del Parlamento …………………………………………………. 23
2.1Il nuovo Senato……………………………………………………………… 24
PERCHÉ VOTARE NO …………………………………………………. 31
2.2 La nuova Camera …………………………………………………………. 31
PERCHÉ VOTARE NO …………………………………………………. 35
2.3 Le funzioni del Parlamento ……………………………………………. 36
PERCHÉ VOTARE NO …………………………………………………. 41
2.5 I rapporti tra il Governo e il Parlamento…………………………. 42
PERCHÉ VOTARE NO …………………………………………………. 44
CITTADINI RIFORMATI E ORGANI COSTITUZIONALI 46
1.Alla Corte della Riforma ………………………………………………….. 46
PERCHÉ VOTARE NO …………………………………………………. 52
2.Presidente e CSM, chi sceglie chi ……………………………………… 53
PERCHÉ VOTARE NO …………………………………………………. 56
3. L’importante è partecipare ……………………………………………… 57
PERCHÉ VOTARE NO …………………………………………………. 59
REGIONI IN RIFORMA…………………………………………….. 61
1.L’eterno conflitto tra centro e periferia ……………………………… 61
PERCHÉ VOTARE NO …………………………………………………. 66
IL QUESITO…………………………………………………………….. 68
PERCHÉ VOTARE NO …………………………………………………. 71
Appendice ………………………………………………………………… 72

 

cover1400

Diritto degli appalti pubblici – pubblicato nuovo Manuale

E’ stato appena pubblicato il nuovo Manuale Cesda dal titolo “Diritto degli Appalti Pubblici  Aggiornato alle novità del nuovo codice appalti 2016″.

Il Manuale, redatto dall’avv. Carmelo Giurdanella e dai suoi collaboratori, affronta le novità del Nuovo Codice Appalti, approvato lo scorso 15 aprile 2016.

L’obiettivo è offrire a interpreti e agli addetti ai lavori uno strumento agile e immediato, che permetta di cogliere al meglio e valorizzare tutti i profili innovativi che porta con sé il codice, che con tutta probabilità ci accompagnerà nel prossimo decennio.

Clicca qui per info ed acquisto

Di seguito l’indice dell’opera.

Indice generale

Prefazione…………………………………………………………………………………………………………………………… 9

PARTE I………………………………………………………………………………………………………………………….. 10

Capitolo 1 – Rapporto tra diritto comunitario e diritto interno e supremazia del diritto comunitario 11

  1. La nascita del principio di prevalenza e l’evoluzione dei rapporti tra i diversi ordinamenti 11
  2. La situazione attuale………………………………………………………………………………………………. 13

Capitolo 2 – La legge di recepimento delle direttive europee (l. n. 234/2012, art. 29 e ss.)……………. 15

  1. Premessa – La legge 28.1.2016 n. 11 e la delega al Governo………………………………………….. 15
  2. L’obbligo di recepimento in Italia……………………………………………………………………………… 15
  3. La legge n. 234 del 24 dicembre 2012………………………………………………………………………… 16
  4. Cosa prevede in concreto la l. n. 234/2012………………………………………………………………… 17
  5. 5. Il Capo VI della l. 234/2012: “Adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea”. 18
  6. La l. n. 11/2016 ed il richiamo alla l. n. 234/2012………………………………………………………… 20
  7. Sempre sul Capo VI……………………………………………………………………………………………….. 22
  8. Conclusioni…………………………………………………………………………………………………………… 24

Capitolo 3 – Sintesi dei contenuti delle 3 Direttive 2014/23/UE, 2014/24UE, 2014/25UE…………… 25

  1. Le direttive appalti: visione generale…………………………………………………………………………. 25
  2. La direttiva “settori ordinari”…………………………………………………………………………………… 26
  3. La direttiva “settori speciali”…………………………………………………………………………………… 29
  4. La direttiva “concessioni”……………………………………………………………………………………….. 30

Capitolo 4 – Strategia Europa 2020 e la riforma degli appalti pubblici………………………………………. 32

  1. Strategia Europa 2020: premessa……………………………………………………………………………… 32
  2. Strategia Europa 2020: la nuova disciplina degli appalti pubblici………………………………….. 32

2.1 Semplificazione degli obblighi di informazione…………………………………………………. 34

2.2 Passaporto europeo delle imprese per gli appalti pubblici (oggi DGUE)…………….. 35

2.3 Electronic Procurement…………………………………………………………………………………. 36

2.4. Riduzione dei termini per la partecipazione alle procedure d’appalto…………………. 38

  1. Considerazioni conclusive……………………………………………………………………………………….. 38

Capitolo 5 – Legge Delega Appalti: sintesi del contenuto………………………………………………………… 40

  1. Premessa………………………………………………………………………………………………………………. 40
  2. Modalità e procedure per l’esercizio della delega……………………………………………………….. 41
  3. Principi e criteri direttivi generali e specifici della delega……………………………………………… 41
  4. Ulteriori disposizioni ed entrata in vigore della Legge…………………………………………………. 61
  5. Il Nuovo Codice Appalti………………………………………………………………………………………… 62

PARTE II…………………………………………………………………………………………………………………………. 65

Capitolo 6 – La procedura di affidamento ad evidenza pubblica………………………………………………. 66

  1. Premessa………………………………………………………………………………………………………………. 66
  2. Principi in tema di affidamento. La trasparenza…………………………………………………………. 66
  3. Sistemi di qualificazione delle stazioni appaltanti e degli operatori economici………………… 68
  4. Le fasi della procedura di gara………………………………………………………………………………….. 69

4.2 Criteri di selezione dell’offerta……………………………………………………………………….. 71

4.3 L’aggiudicazione…………………………………………………………………………………………… 71

4.4 La stipula del contratto…………………………………………………………………………………. 72

Capitolo 7 – La disciplina degli affidamenti in house………………………………………………………………. 74

  1. Definizione ed evoluzione della disciplina…………………………………………………………………. 74
  2. Elementi e requisiti dell’in house providing……………………………………………………………….. 77

2.1 La partecipazione pubblica……………………………………………………………………………. 78

2.2 Il controllo analogo………………………………………………………………………………………. 79

2.3 La destinazione prevalente dell’attività…………………………………………………………… 82

2.4 Gli ulteriori requisiti…………………………………………………………………………………….. 83

  1. L’in house e le nuove direttive appalti………………………………………………………………………. 84
  2. La disciplina dell’in house nel nuovo codice appalti……………………………………………………. 87

4.1 Definizione e requisiti (art. 5)………………………………………………………………………… 88

4.2 Disciplina specifica degli affidamenti (art. 192)……………………………………………….. 92

4.3 Limiti all’in house nelle concessioni (art. 177)…………………………………………………. 95

Capitolo 8 – L’appalto integrato………………………………………………………………………………………….. 97

  1. Valorizzazione della fase progettuale negli appalti e nelle concessioni di lavori………………. 97

Capitolo 9 – Il building information modeling nel nuovo codice degli appalti pubblici……………….. 105

  1. Quadro normativo di riferimento: la Direttiva 2014/24/UE e il Nuovo Codice degli Appalti 105
  2. Un nuovo metodo operativo………………………………………………………………………………….. 109

Capitolo 10 – L’avvalimento ed il subappalto………………………………………………………………………. 112

  1. L’Avvalimento……………………………………………………………………………………………………… 112

1.1 Genesi dell’Istituto……………………………………………………………………………………… 112

1.2 Ambito di applicazione dell’istituto……………………………………………………………… 114

1.3 La disciplina dell’avvalimento ex art. 89 del nuovo Codice degli appalti pubblici. Principali novità          115

1.3.1 Poteri di verifica in capo alla stazione appaltante………………………………… 116

1.3.2 Avvalimento plurimo e avvalimento a cascata…………………………………….. 117

1.4. Elementi di continuità tra la disciplina di cui all’art. 89, d.lgs. n. 50/2016, e quella di cui all’art. 46, d.lgs. n. 163/2006    119

1.4.1 Il subappalto nell’ambito dell’avvalimento………………………………………….. 120

1.5 L’avvalimento nell’RTI………………………………………………………………………………… 121

1.6 L’avvalimento nel consorzio stabile………………………………………………………………. 124

1.7 Il contratto di avvalimento…………………………………………………………………………… 124

  1. Il Subappalto……………………………………………………………………………………………………….. 131

2.1 Premessa…………………………………………………………………………………………………… 131

2.2.1 Obbligo di indicazione di una terna di subappaltatori…………………………… 136

2.2.2 Obblighi dichiarativi e responsabilità dell’appaltatore………………………….. 139

2.2.3 Il divieto di subappalto a cascata………………………………………………………. 141

2.3 I subcontratti diversi dal subappalto e quelli similari al subappalto………………….. 141

2.4 Principali differenze tra l’istituto dell’avvalimento e quello del subappalto………… 144

Capitolo 11 – A.N.A.C.: Poteri e Authority……………………………………………………………………….. 146

  1. Che cosa è l’A.N.A.C……………………………………………………………………………………………. 146
  2. I Poteri dell’Autorità ex art. 6 d.lgs. 163/2006………………………………………………………….. 148
  3. Poteri Sanzionatori dell’A.N.A.C…………………………………………………………………………… 149
  4. L’A.N.A.C. nel nuovo Codice Appalti……………………………………………………………………. 150

4.1 I pareri di precontenzioso dell’A.N.A.C……………………………………………………….. 152

4.2 Trasparenza e digitalizzazione……………………………………………………………………. 152

4.3 Poteri di controllo e vigilanza nell’ambito dei contratti di appalto di lavori servizi e forniture       153

4.4 Poteri di controllo e vigilanza nella fase di selezione delle offerte……………………… 154

Capitolo 12 – Il Rating di legalità………………………………………………………………………………………… 157

  1. Introduzione………………………………………………………………………………………………………… 157
  2. Il rating di legalità nella Legge Delega n. 11/2016 e nel Nuovo Codice degli Appalti………. 158
  3. La disciplina vigente in materia di Rating di legalità…………………………………………………… 162
  4. Il Regolamento attuativo in materia di Rating di legalità (Delibera n. 24075/2012)………… 163
  5. Il Decreto n. 57 del 2014, in materia di finanziamenti e accesso al credito……………………. 166

Capitolo 13 – Documento di Gara Unico Europeo (in materia di semplificazione)……………………. 169

  1. Premessa…………………………………………………………………………………………………………….. 169
  2. Regolamento di esecuzione UE 2016/7 del 5 gennaio 2016………………………………………… 170
  3. Analisi dell’articolo 85 Codice Appalti…………………………………………………………………… 174

Capitolo 14 – Consip e centrali di committenza…………………………………………………………………… 176

  1. Il ricorso all’accentramento……………………………………………………………………………………. 176
  2. La Consip S.p.A………………………………………………………………………………………………….. 177
  3. La riforma del 2014………………………………………………………………………………………………. 177
  4. La legge di stabilità 2016……………………………………………………………………………………….. 178
  5. Le novità del nuovo codice appalti…………………………………………………………………………. 179

Capitolo 15 – Gare d’appalto per acquisto di beni e servizi informatici…………………………………… 182

  1. Introduzione………………………………………………………………………………………………………… 182
  2. Centralizzazione degli acquisti ad oggetto informatico: regola ed eccezione………………….. 183
  3. I presupposti per l’espletamento della gara d’appalto ordinaria………………………………….. 183
  4. La programmazione degli acquisti ad oggetto informatico: il ruolo di Agid…………………… 184
  5. La complementarietà tra procedure negoziate senza bando e acquisti ad oggetto informatico 185
  6. Il subappalto degli acquisti di beni e servizi informatici…………………………………………….. 187

Capitolo 16 – Partneriato Pubblico – Privato………………………………………………………………………… 189

  1. Definizione………………………………………………………………………………………………………….. 189
  2. La previsione della legge delega………………………………………………………………………………. 189
  3. Le novità del nuovo Codice Appalti……………………………………………………………………….. 191

Capitolo 17 – Il project financing……………………………………………………………………………………….. 194

  1. Inquadramento generale e peculiarità dell’istituto……………………………………………………… 194
  2. L’evoluzione normativa e i procedimenti di affidamento nella disciplina previgente……… 196
  3. Il project financing nel nuovo codice appalti……………………………………………………………. 199

3.2 La procedura ad iniziativa pubblica………………………………………………………………. 201

3.3 La procedura ad iniziativa privata………………………………………………………………… 203

cover

In vendita l’ebook “Guida al contenzioso negli appalti pubblici”

E’ stato appena pubblicato  il 9° ebook della collana editoriale edita Cesda srl “Pratica Giuridica dei Contratti Pubblici” diretta dagli avvocati Carmelo Giurdanella ed Elio Guarnaccia.

Il volume analizza la disciplina del contenzioso negli appalti pubblici con particolare riguardo agli atti impugnabili.

Si tratta di una mini guida pratica molto utile per gli operatori del settore.

Per visualizzare l’indice ed acquistare l’ebook clicca qui

cover

Pubblicato il Manuale “Diritto dell’Europrogettazione”

E’ stato pubblicato il primo volume della nuova collana editoriale Cesda “I Manuali” dedicata  alle tematiche più rilevanti  del mondo del diritto. Le opere saranno disponibili nel duplice formato digitale e cartaceo.

La collana è curata dallo studio Giurdanella&Partners. Tutte le opere saranno redatte, infatti, dal titolare Carmelo Giurdanella e dai suoi competenti collaboratori.

Il primo manuale dal titolo “Diritto dell’Europrogettazione”  vuole essere un opuscolo informativo sui Fondi Europei e sulla programmazione Comunitaria.

Il manuale è pertanto indirizzato a tutti quegli stakeholders che a vario titolo e sulla base di diverse esigenze vogliano accedere a questi fondi ed è diviso in 2 sezioni: la prima, dedicata alle Istituzioni e alle norme che regolano i Fondi Europei, presenta l’architettura comunitaria e la modalità di accesso ai Fondi; la seconda, dedicata alle politiche e agli obiettivi di Europa 2020, analizza gli obiettivi di crescita intelligente, sostenibile e inclusiva di Europa 2020 e l’articolazione degli interventi previsti dalla programmazione comunitaria, per il periodo 2014-2020.

DISPONIBILE SIA IN VERSIONE CARTACEA CHE DIGITALE.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE PER IL MANUALE CARTACEO

CLICCA QUI PER ACQUISTARE LA VERSIONE EBOOK

formazione

European Projects Design, management and funding: il nuovo corso di CeSDA, Impresa Europa e Impact Hub

I fondi comunitari 2014-2020 sono il principale strumento di finanziamento per progetti di sviluppo di Imprese, Enti pubblici, Associazioni ed Enti di Ricerca Pubblici e Privati. Gli oltre cento miliardi di euro – disponibili nel settennato per l’Italia in un ampio ventaglio di settori – non sono solo la leva per realizzare nuove iniziative in direzione di una crescita più intelligente, sostenibile e inclusiva e accrescere la competitività economica del nostro Paese, ma anche un’importante occasione di miglioramento e qualificazione per chi vi si avvicina.

Sapersi orientare efficacemente tra le diverse tipologie di programmi europei e regionali in relazione alle specifiche esigenze di finanziamento, impostare un’idea progettuale vincente col relativo budget, gestire partenariati internazionali e rendicontare correttamente i costi, rappresentano un valore aggiunto, non solo per le organizzazioni, ma anche per chi voglia ampliare e aggiornare il proprio profilo professionale in vista di nuove occasioni di lavoro.

Al termine del percorso formativo i partecipanti saranno in grado di: individuare i fondi più adatti al proprio ambito di competenza o a specifiche idee progettuali; reperire la documentazione dei bandi e costruire la relativa proposta; trovare partner o partecipare ad altre proposte progettuali; gestire correttamente il budget.

I partecipanti potranno inoltre disporre, attraverso CeSDA, Impresa Europa e Impact Hub, di un sistema di supporto post-aula per rimanere in contatto con i docenti e chiedere consulenze e assistenza per quesiti su finanziamenti e bandi, ricerca di partner, valutazioni di progetti e contatti con la Commissione europea.

Percorso

  1. Orientarsi nei programmi di finanziamento europei – 4 ore

– Individuare i programmi esistenti e le loro scadenze

– Reperire la documentazione informativa e i formulari relativi a ogni programma

– Analizzare ciascun programma di finanziamento individuando gli aspetti più importanti

– Valutare se il programma di finanziamento è adatto alla propria organizzazione.

  1. Ottenere partenariati in progetti presentati da altri – 2 ore

– Individuare organizzazioni che presentano progetti europei

– Preparare annunci e materiale informativo sulla propria organizzazione

– Rispondere a offerte di partenariato e negoziare le condizioni di partecipazione in progetti presentati da altri.

  1. Acquisire conoscenze e capacità preliminari per presentare progetti propri – 2 ore

– Conoscere la strutturazione dei formulari (application form) e gli elementi che compongono un progetto

– Individuare i criteri di valutazione dei progetti

– Conoscere le fasi temporali della preparazione di un progetto.

  1. Produrre idee progettuali e strutturale in pacchetti di lavoro – 4 ore

– Elaborare idee progettuali utilizzando varie fonti di ispirazione

– Sviluppare l’idea progettuale in collaborazione con gli altri partner

– Strutturare l’idea progettuale in pacchetti di lavoro

– Descrivere nel formulario pacchetti di lavoro, prodotti e attività del tuo progetto

– Realizzare un cronogramma delle attività del tuo progetto.

  1. Scegliere e descrivere nel formulario i partner del progetto – 2 ore

– Scegliere i partner più adatti per il proprio progetto e negoziare le condizioni di partecipazione

– Suddividere fra i partner le attività del progetto

– Rispondere nel formulario alle domande sui partner del progetto.

  1. Descrivere nel formulario gli obiettivi e l’impatto desiderato del tuo progetto – 4 ore

– Conoscere le relazioni fra obiettivi, attività e impatto del progetto

– Individuare gli indicatori di impatto per il tuo progetto

– Rispondere nel formulario alle domande sugli obiettivi e sull’impatto desiderato del proprio progetto.

7. Decidere come strutturare e descrivere nel formulario la gestione del proprio progetto – 2 ore

– Individuare le modalità e gli strumenti per la collaborazione fra i partner

– Individuare gli aspetti da monitorare e i relativi indicatori

– Rispondere nel formulario alle domande sulla collaborazione fra partner e sul monitoraggio del progetto.

  1. Individuare le modalità di valorizzazione del proprio progetto e descriverle nel formulario di presentazione del progetto – 2 ore

– Scegliere gli strumenti per la disseminazione del tuo progetto e stabilisci obiettivi numerici e indicatori

– Individuare una strategia per favorire l’utilizzo dei prodotti del progetto

– Decidere una strategia per la valorizzazione del progetto dopo il suo termine

– Rispondere nel formulario alle domande sulla valorizzazione del progetto.

  1. Compilare il budget del progetto – 2 ore

– Capire il cofinanziamento e le voci di costo rendicontabili

– Stimare il budget del tuo progetto a partire dai pacchetti di lavoro

– Rispondere alle domande del formulario relative al budget del progetto.

Calendario 

Il corso si terrà a Impact Hub Trentino, in via Roberto da Sanseverino 95 a Trento, con questa calendario:

Mercoledì 2 marzo ore 16-20 – modulo 1

Sabato 5 marzo – modulo 2 e 3

Mercoledì 9 marzo ore 16-20 – modulo 4 e 5

Mercoledì 16 marzo ore 16-20 – modulo 6

Sabato 19 marzo ore 9- 16 – modulo 7, 8 e 9

Al termine del corso ai partecipanti verrà consegnata la documentazione utilizzata in aula e verrà rilasciato un attestato di partecipazione.

Docenti: Dott.ssa Simona Zelli, Dott. Giorgio Salza, consulenti in progettazione europea.

Per avere dettagli su costi e iscrizione clicca qui 

 

locandina corso stabilità

Seminario “Guida alle Legge di Stabilità”. Catania, 24 febbraio 2016

Dopo il fortunatissimo ebook “Guida alla Legge di Stabilità 2016″, Cesda organizza un seminario, per professionisti, pubbliche amministrazioni ed imprese, con l’autore dell’ebook.

Il seminario affronterà principalmente le seguenti tematiche:

  • Lavoro e Pa;
  • Incentivi per imprese e professionisti;
  • Acquisti e Lavori Pubblici;
  • Giustizia

L’evento si terrà il 24 febbraio 2016, in Via Trieste, 36 – Catania dalle ore 14.30 alle 17.30.

Prenota il tuo posto acquistando l’evento direttamente sul sito. Clicca qui

Il seminario è in corso di accreditamento presso l’Ordine degli Avvocati di Catania.

Sarà rilasciato a tutti i partecipanti l’attestato di partecipazione.

PREZZO: € 99 + IVA

cover

Pubblicato il nuovo ebook “Il Fenomeno dello Stalking”

E’ stato pubblicato il nuovo ebook della collana “I quaderni di Giurdanella.i”.

L’opera, dal titolo “Il Fenomeno dello Stalking” della dott.ssa Antonietta Giusy di Martino, si propone di esaminare il fenomeno degli atti persecutori, altrimenti definito “Stalking”, tenendo conto del suo impatto sociologico e della risposta penalistica di riferimento .

Il fenomeno dello stalking ha richiamato per molti anni l’attenzione sia dell’opinione pubblica così come degli esperti della disciplina psichiatrica e medico-legale per poi essere oggetto di studio e approfondimento anche nell’ambito giuridico.

Il fenomeno, che in Italia era stato sottovalutato, probabilmente per ragioni culturali e sociali che hanno portato a confondere lo stalker con un corteggiatore particolarmente appassionato, ha incentivato il nostro legislatore a prendere atto di questa forma di vera e propria violenza psicologica posta in essere da un soggetto nei confronti della propria vittima, dando luogo così al lungo escursus legislativo che ha portato all’introduzione nell’ordinamento italiano della nuova fattispecie degli atti persecutori disciplinata all’art. 612-bis c.p.

Il primo capitolo del presente lavoro ha come punto di partenza la teoria medico-legale la cui centralità sta nella valutazione della personalità dei protagonisti di questo fenomeno, alquanto allarmante, e di tutto ciò che sta attorno ad esso. Esso ha come obiettivo quello di individuare gli studi medico-legali che sono stati effettuati e che hanno consentito ai vari legislatori, americani prima ed europei poi, i quali sono stati indotti dalle realtà esistenti a porre rimedio ad un fenomeno dilagante, di trarre spunto da essi e di approcciarsi al fenomeno con una maggiore incisività visto il vuoto normativo.

Prima di evidenziare l’inquadramento giuridico della nuova fattispecie, nel capitolo secondo vengono analizzate le fattispecie di violenza privata (art.610 c.p.), minaccia (art.612 c.p.) e molestia (art.660 c.p.) precedentemente applicate e i vari progetti che hanno poi condotto all’emanazione del d. l. 20 Febbraio 2009 n. 11, convertito con la legge 23 Aprile 2009, n. 38, frutto di un intervento governativo alquanto frettoloso, tardivo, specie rispetto ad altri Paesi appartenenti al sistema del Common Law e reso necessario dall’esigenza di attribuire la giusta rilevanza penale a comportamenti che troppo spesso venivano minimizzati, o comunque tollerati dalla coscienza sociale, evidenziandone il disvalore giuridico ed introducendo così il nuovo reato di atti persecutori all’art. 612-bis del codice penale.

Infine l’ultimo capitolo opera una breve ricognizione delle ulteriori novità introdotte nel codice di procedura penale dal decreto legge sopracitato, in particolare l’istituto di ammonimento quale misura preventiva e le misure cautelari (divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa), finalizzate a porre un freno alle condotte intrusive e persecutorie in attesa dell’accertamento giudiziale “definitivo” della responsabilità penale

cover ebook 2015

In preordinazione l’ebook Guida all’esame da avvocato 2015

E’ possibile acquistare in preordinazione al prezzo speciale di 3,90 l’edizione 2015 dell’utilissimo ebook dedicato all’esame di avvocato con consigli, tracce, atti, pareri e tutte le sentenze del 2015.

L’ebook verrà pubblicato nel mese di ottobre.

L’ebook sarà successivamente inviato al vostro indirizzo di posta elettronica subito dopo la pubblicazione.

Promozione valida solo fino al 02.10.2015

Clicca qui per ulteriori informazioni

cover-edilizia-leotta

Nuova collana “Diritto e Territorio”

Cesda Editore ha lanciato la nuova collana “Diritto e Territorio”.

La collana, diretta dagli avvocati Carmelo Giurdanella e Cristina Iemulo, nasce dall’esigenza di approfondire, in chiave giuridica, specifiche tematiche legate al territorio.
Edilizia, Urbanistica, Energia, Ambiente, Rivoluzione Industriale sono gli argomenti chiave che la collana intende trattare.
Gli approfondimenti verranno analizzati da esperti del settore, non solo avvocati ma anche ingegneri, architetti, economisti, agronomi e varie figure professionali che operano nel settore.

L’ebook di lancio della collana si intitola “L’Attività Edilizia” ed analizza con chiarezza e sinteticità gli aspetti tecnici e giuridici dell’Edilizia, soffermandosi sulle procedure, sulle convenzioni, sugli oneri e sulle sanzioni.