Europrogettazione

Servizi offerti

Formazione su Europrogettazione

I fondi comunitari 2014-2020 sono il principale strumento di finanziamento per progetti di sviluppo di Imprese, Enti pubblici, Associazioni ed Enti di Ricerca Pubblici e Privati. Gli oltre cento miliardi di euro – disponibili nei prossimi sette anni per l’Italia in un ampio ventaglio di settori – non sono solo la leva per realizzare nuove iniziative in direzione di una crescita più intelligente, sostenibile e inclusiva e accrescere la competitività economica del nostro Paese, ma anche un’importante occasione di miglioramento e qualificazione per chi vi si avvicina.

Sapersi orientare efficacemente tra le diverse tipologie di programmi europei e regionali in relazione alle specifiche esigenze di finanziamento, impostare un’idea progettuale vincente col relativo budget, gestire partenariati internazionali e rendicontare correttamente i costi, rappresentano un valore aggiunto, non solo per le organizzazioni, ma anche per chi voglia ampliare e aggiornare il proprio profilo professionale in vista di nuove occasioni di lavoro.

I percorsi formativi realizzati da Cesda sono realizzati su misura a partire dalle esigenze formative dei Committenti che avranno la possibilità di scegliere moduli e durata del percorso sulla base dei loro obiettivi di crescita, acquisizione di conoscenze, competenze e abilità (al riguardo si vedano gli obiettivi formativi di un percorso standard).

Al termine di tutti i percorsi i partecipanti saranno in grado di: individuare i fondi più adatti al proprio ambito di competenza o a specifiche idee progettuali; reperire la documentazione dei bandi e costruire la relativa proposta; trovare partner o partecipare ad altre proposte progettuali; gestire correttamente il budget.

I partecipanti potranno inoltre disporre, attraverso Cesda, di un sistema di supporto post-aula per rimanere in contatto con i docenti e chiedere consulenze e assistenza per quesiti su finanziamenti e bandi, ricerca di partner, valutazioni di progetti e contatti con la Commissione europea.

I percorsi formativi di Cesda sono organizzati nelle seguenti modalità:

– Formazione in aula presso la sede del Committente

– Formazione in aula presso le nostre sedi (Catania, Vittoria, Roma, Milano, Trento, Bruxelles)

– Formazione a distanza

Obiettivi formativi

1. Orientarsi nei programmi di finanziamento europei

– Individuare i programmi esistenti e le loro scadenze

– Reperire la documentazione informativa e i formulari relativi a ogni programma

– Analizzare ciascun programma di finanziamento individuando gli aspetti più importanti

– Valutare se il programma di finanziamento è adatto alla propria organizzazione.

Contenuti: le fonti di informazione sui programmi di finanziamento europei per il sostegno di politiche settoriali: Erasmus+, Europa creativa, Horizon 2020, Europa per i cittadini, Progress, etc. I siti di riferimento. Le caratteristiche principali dei diversi programmi di finanziamento. Il ruolo delle Agenzie europee e delle Agenzie nazionali. Il reperimento della documentazione informativa e dei formulari. L’ottenimento del PIC. Tecniche per l’analisi dei programmi. Simulazioni e verifiche dell’apprendimento.

2. Ottenere partenariati in progetti presentati da altri

– Individuare organizzazioni che presentano progetti europei

– Preparare annunci e materiale informativo sulla propria organizzazione

– Rispondere a offerte di partenariato e negoziare le condizioni di partecipazione in progetti presentati da altri.

Contenuti: le fonti per il reperimento di partenariati. Come costruire un profilo efficace per la propria organizzazione. Le strategie di contatto. La negoziazione delle condizioni di partecipazione in progetti presentati da altri. Esempi di annunci e profili. Simulazioni e verifiche dell’apprendimento.

3. Acquisire conoscenze e capacità preliminari per presentare progetti propri

– Conoscere la strutturazione dei formulari (application form) e gli elementi che compongono un progetto

– Individuare i criteri di valutazione dei progetti

– Conoscere le fasi temporali della preparazione di un progetto.

Contenuti: le sezioni dei formulari. I possibili risultati dei progetti. I criteri di valutazione. Accorgimenti per ridurre i principali errori di valutazione da parte dei valutatori. Project Cicle Management. Le fasi temporali della presentazione di un progetto. Esempi di formulari. Simulazioni e verifiche dell’apprendimento.

4. Produrre idee progettuali e strutturale in pacchetti di lavoro

– Elaborare idee progettuali utilizzando varie fonti di ispirazione

– Sviluppare l’idea progettuale in collaborazione con gli altri partner

– Strutturare l’idea progettuale in pacchetti di lavoro

– Descrivere nel formulario pacchetti di lavoro, prodotti e attività del tuo progetto

– Realizzare un cronogramma delle attività del tuo progetto.

Contenuti: le caratteristiche delle idee progettuali efficaci. I criteri di valutazione delle idee progettuali. Fonti di ispirazione per idee progettuali. La scelta dei prodotti e dei gruppi bersaglio del progetto. La strutturazione dei progetti in pacchetti di lavoro. Le modalità ottimali di descrizione di attività, prodotti, eventi. Un esempio di progetto strutturato in pacchetti di lavoro. Simulazioni e verifiche dell’apprendimento.

5. Scegliere e descrivere nel formulario i partner del progetto

– Scegliere i partner più adatti per il proprio progetto e negoziare le condizioni di partecipazione

– Suddividere fra i partner le attività del progetto

– Rispondere nel formulario alle domande sui partner del progetto.

Contenuti: i criteri di valutazione dei partenariati. Partner ordinari e partner associati. I partner extra UE. Gli elementi per la valutazione dei possibili partner. La costruzione di un database di partner potenziali. Strategie di contatto e negoziazione con i possibili partner. La suddivisione dei compiti fra i partner. La descrizione delle caratteristiche dei partner nel formulario. Esempi da un progetto approvato. Simulazioni e verifiche dell’apprendimento.

6. Descrivere nel formulario gli obiettivi e l’impatto desiderato del tuo progetto

– Conoscere le relazioni fra obiettivi, attività e impatto del progetto

– Individuare gli indicatori di impatto per il tuo progetto

– Rispondere nel formulario alle domande sugli obiettivi e sull’impatto desiderato del proprio progetto.

Contenuti: la corrispondenza fra obiettivi del progetto e obiettivi e priorità del programma di finanziamento. La descrizione del contesto e delle strategie europee. L’innovatività dell’idea progettuale. Criteri di valutazione dell’impatto. Gli indicatori di impatto, disseminazione, promozione dell’utilizzo dei risultati del progetto. La misurazione dell’impatto e la scelta degli indicatori. Esempi da un progetto approvato. Simulazioni e verifiche dell’apprendimento.

7. Decidere come strutturare e descrivere nel formulario la gestione del proprio progetto

– Individuare le modalità e gli strumenti per la collaborazione fra i partner

– Individuare gli aspetti da monitorare e i relativi indicatori

– Rispondere nel formulario alle domande sulla collaborazione fra partner e sul monitoraggio del progetto.

Contenuti: gli strumenti di cooperazione fra partners. Periodicità e organizzazione degli incontri di partenariato. Le dimensioni monitorabili in un progetto europeo. Strumenti di monitoraggio, indicatori e possibili obiettivi per svolgimento e qualità dei prodotti. Esempi. Simulazioni e verifiche dell’apprendimento.

8. Individuare le modalità di valorizzazione del proprio progetto e descriverle nel formulario di presentazione del progetto

– Scegliere gli strumenti per la disseminazione del tuo progetto e stabilisci obiettivi numerici e indicatori

– Individuare una strategia per favorire l’utilizzo dei prodotti del progetto

– Decidere una strategia per la valorizzazione del progetto dopo il suo termine

– Rispondere nel formulario alle domande sulla valorizzazione del progetto.

Contenuti: i criteri di valutazione della valorizzazione e dissemination. L’identificazione dei gruppi bersaglio. Gli strumenti per la valorizzazione e per la diffusione del progetto. La divisione dei ruoli fra i partner nella valorizzazione e diffusione del progetto. La redazione di un piano di valorizzazione e disseminazione. Gli indicatori e il monitoraggio delle attività di valorizzazione e dissemination. Strategie per la sostenibilità del progetto.  Esempi da un progetto approvato. Simulazioni e verifiche dell’apprendimento.

9. Compilare il budget del progetto

– Capire il cofinanziamento e le voci di costo rendicontabili

– Stimare il budget del tuo progetto a partire dai pacchetti di lavoro

– Rispondere alle domande del formulario relative al budget del progetto.

Contenuti: costi standard, costi reali, costi diretti, costi indiretti, subappalto, cofinanziamento. La struttura del budget. Le voci di costo in genere rendicontabili: staff, viaggi e soggiorno, attrezzature, subappalto, altri costi. La gestione del cofinanziamento. La fideiussione a garanzia degli acconti. Buone pratiche nella stesura del budget. Esempi da un progetto approvato. Simulazioni e verifiche dell’apprendimento.

10. Come gestire progetti europei

Questo modulo, da svolgersi in 10 ore, presenta metodologie e strumenti per la gestione ottimale di progetti europei collaborativi, progetti cioè dove i partner devono sviluppare metodologie e/o prodotti.

Contenuti:

1. L’approccio e i principi guida

– approccio preventivo nello svolgimento dei compiti progettuali

– rispetto, responsabilizzazione e monitoraggio dei partner

– esplicitare fin dalla scrittura del progetto ruoli, responsabilità e procedure e strutturare progetto, accordi e procedure immaginando sempre il peggio e le possibili vie d’uscita (risk management)

– documentare tutto (foto, fogli firme, etc.)

– pubblicizzare il più possibile il progetto fin da prima dell’avvio.

– gli accorgimenti di risk management nelle seguenti fasi del PCM: scrittura del progetto, contratto con i partner, sistema di reporting.

2. Le attività preliminari all’avvio del progetto

– la contrattualizzazione e l’invio degli anticipi;

– la scelta della data del primo incontro di partenariato. L’uso di Doodle

– la scelta della piattaforma Web di collaborazione

– la messa a punto di strumenti che facilitano il reperimento delle informazioni sul progetto: tabella dei contatti, elenco pacchetti di lavoro (work packages) e prodotti, tabella cronologica

– l’incontro Skype preliminare al primo incontro di partenariato

3. La gestione della collaborazione fra i partner

– Strumenti di collaborazione: La piattaforma Web. Le piattaforme collaborative gratuite, la mailing list, gli incontri Skype, gli incontri di partenariato, esempi di comunicazione ottimale fra i partner

– Strumenti di monitoraggio dell’attività dei partner: tabella dei prodotti, tabella cronologica, tabella sulla disseminazione, i report periodici dei partners

– L’uso del valutatore esterno a supporto della gestione dei progetti. I report di valutazione esterni e il loro utilizzo. Strumenti per la raccolta dei dati. La scelta degli indicatori e la Dashboard / Tableau de bord sull’andamento del progetto

– Le modalità di supervisione dei propri project manager

– Il sistema integrato di raccolta dei dati per il monitoraggio e la rendicontazione

– L’accordo di copyright

4. La gestione ottimale degli incontri di partenariato

– La preparazione del foglio di istruzioni di viaggio e di sistemazione. Esempi di fogli di istruzioni. L’invio di altro materiale.

– L’agenda. Modelli per la stesura dell’agenda

– La sede dell’incontro; cibo e bevande

– La gestione degli incontri

– Attività per rompere il ghiaccio e avviare la collaborazione nel primo incontro di partenariato

– La risk analysis nel primo incontro di partenariato

– La realizzazione e la diffusione del verbale dell’incontro. Modelli per la stesura del verbale

Altre informazioni

  • Anche se la gran parte dei materiali sono in italiano, il corso utilizza anche materiali in lingua inglese; i partecipanti devono perciò essere in grado di comprendere testi in inglese.
  • Ai partecipanti ai corsi viene rilasciato un attestato di partecipazione a firma Cesda. Sono previste tariffe ridotte per il personale aggiuntivo della stessa organizzazione, in questo caso è necessario scrivere a Cesda per ulteriori informazioni.
  • Il corso è rivolto al personale di organizzazioni che intendono presentare progetti propri e a persone in cerca di occupazione;
  • Con un costo aggiuntivo, che dipende dal tipo di programma, è possibile svolgere un project work che prevede la supervisione del docente nella messa a punto di una proposta progettuale.
  • Per svolgere l’attività di Europrogettista non è necessaria l’iscrizione a particolari albi o registri, né particolari titoli di studio, anche se, ovviamente, sono necessarie una serie di conoscenze e capacità personali.

Scrittura di progetti conto terzi

Cesda scrive conto terzi progetti europei occupandosi di tutte le fasi, dall’identificazione dell’idea progettuale alla contrattualizzazione con i partner a progetto approvato e assistenza tecnico/amministrativa per la rendicontazione.

Il servizio prevede:

l’analisi delle caratteristiche economiche e organizzative del Committente per valutare l’opportunità di presentare un progetto e l’identificazione di un programma appropriato

l’identificazione di una idea progettuale coerente con gli obiettivi e le aree di attività del Committente e le priorità del programma scelto

la predisposizione di tutta la documentazione necessaria per la partecipazione alle call europee

l’identificazione del partenariato

la redazione di una prima bozza del programma di lavoro e del budget per l’approvazione da parte del Committente

la redazione completa del formulario e l’invio del progetto

supporto specialistico nelle fasi di contrattualizzazione con l’Agenzia responsabile della gestione del programma e i partner di progetto, in caso di approvazione

l’assistenza, laddove necessario, per la rendicontazione delle spese in fase di realizzazione del progetto

supporto specialistico, laddove necessario, nel project management del progetto finanziato

la revisione del progetto e la ripresentazione alle due scadenze successive, senza costi aggiuntivi, in caso di non approvazione.

L’accettazione dell’incarico da parte di Cesda è condizionata all’identificazione, assieme al Committente, di un’idea progettuale valida, coerente con gli obiettivi di crescita intelligente, sostenibile e inclusa di Europa 2020 e dell’organizzazione Committente. La presentazione di progetti richiede tempo, perciò se interessati suggeriamo di contattarci prima possibile. 

Consulenze su Fondi Europei

Le consulenze vengono svolte via skype e posta elettronica e prevedono l’assistenza in tutte le fasi del ciclo di progetto:

– identificazione dell’idea progettuale e del programma di finanziamento più opportuno

– ottenimento del PIC code e supporto amministrativo

– strutturazione del progetto e del partenariato (incluso aiuto nell’individuazione di partners adatti a partire dal database di possibili partners stranieri di Cesda)

– stesura e presentazione della proposta finale

– contrattualizzazione del progetto approvato

Questo servizio è rivolto agli abbonati a Cesda, a progettisti e organizzazioni con precedente documentata esperienza nella scrittura di progetti europei e a progettisti e organizzazioni che abbiano seguito i nostri corsi di formazione. Il servizio è inoltre rivolto a progettisti che scrivono progetti per la propria organizzazione; non è rivolto a liberi professionisti o società di consulenza che scrivono progetti conto terzi.

Per informazioni o per richiedere un preventivo gratuito è possibile contattare Cesda.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

captcha

Please enter the CAPTCHA text